You are currently browsing the tag archive for the ‘uomini’ tag.

timthumb.php

Gli uomini non cambiano, questo è certo, ma si adattano ai tipi di donne che frequentano ne sono sempre più convinta.
Un po’ per scelta, un po’ per pigrizia modificano alcuni aspetti della loro personalità.
Il primo? Il modo di vestire.
Possono passare, infatti, da un paio di church’s ad un paio di birkenstock in sei mesi.
Un po’ come noi cambiamo tipo di crema idratante.
Per dedizione o commitment come direbbero da Elisabetta, migrano verso territori fino a quel momento inesplorati.
Da un fay ad una giacca presa in un negozio vintage di cui prima ripudiavano solo l’odore.
Bene, cosa vi succede? Semplice, anche se non volete ammetterlo vi siete innamorati. Non vi siete modificati, ma provate qualcosa di inspiegabile per una ragazza.
Una cosa di cui ho fatto pratica durante il mio soggiorno londinese, sono le domande telefoniche che i ragazzi ricevano mentre sono seduti davanti a voi e agli alcolici che vi separano.
Lui riceve due chiamate in vostra presenza.
La prima è: “dove sei?” La piacevole conoscenza risponde con una certa fermezza e virilità: sono da – nome del posto con una mia amica.
La seconda: “è figa?” E qui ti scappa un sorriso perché lui diventa viola e gli scappa un si e chiude bruscamente la comunicazione.
Hai qualche hanno in più e di film ne hai visti abbastanza per destreggiarti in queste occasioni.
E’ per questo che, di fronte ad una frase molto ricorrente nei miei scontri-incontri: “dove sei stata in questi anni?”
ormai non ti emozioni più.
Ti sei scoperta diversamente quindicenne quindi ti rendi conto che solo negli anni 50 una donna poteva permettersi di stare a casa a fare l’uncinetto.
Ti interessa qualcosa o qualcuno?
Bene: stand up and take it!

20140709-164559.jpg

Ed eccoci qui ancora a parlare di uomini.
Sul web impazzano i post riguardanti le diverse tipologie di ragazzi:

-Da frequentare
-Da non frequentare
-Da stalkerizzare su facebook

La settimana scorsa è stata burrascosa e densa di emozioni, quelle che non pensavi si potessero provare in sole 48 ore, ma a te sono piombate addosso avvolgendoti in uno stato di malinconia e tristezze unico ed irripetibile.
Incredibilmente arriva il week end. Ti spinge ad andare in campagna. Il mese di Luglio ha un appuntamento fisso da 11 anni della tua vita. Una festa dove tutto è concesso anche non indossare l’abbigliamento “da etichetta” durante una gara di golf.
In questa baraonda di emozioni baci un ragazzo, un apparentemente sconosciuto, in realtà sai TUTTO di lui pur non avendolo su facebook.
Ti chiede il numero di telefono, generando il toto scommessa tra gli amici di tuo fratello su:

-Ti scrive questa sera
-Ti scriverà domani

Tu mandi tutti a dormire chiudendo lo scambio di opinioni con: diamogli fino a mercoledì, buona notte.
Il finto sconosciuto scrive il giorno dopo con un gergo tipico di chi lavora in finanza.
Ora è il tuo turno del porre le domande, che si fa è sempre la più gettonata. La tua intraprendenza ti fa alzare il telefono, generando una timida chat su whats app.
Milano è vittima di un autunno dirompente e scafato per cui lasci che la eco pelliccia di AINEA entri a far parte dei tuoi sogni e, chissà, magari qualcuno esce dalla riunione ed è ora di indossarla.

Foto: http://www.ainea.it/collections_w14_w.php

La settimana della moda uomo vista da lontano:

– come fanno a sapere quale sfilata c’è dopo questa? (esiste un calendario)
– cosa torna di moda prossimamente? (gli slip così non si nasconde nessuno)
– uomini: dove sono? (questi certo che si nascondono. Forse nemmeno in provincia)

ImageCoccodè a voi.

%d bloggers like this: