You are currently browsing the tag archive for the ‘amit berlowitz’ tag.

Diletta è una stilista con un curriculum internazionale. Le sue origini sono di Torino, anche se ha vissuto a New York e a Tel Aviv.

Ti accoglie nel suo studio, laboratorio e showroom con la sua simpaticissima cagnolina Nina, e ti immergi in un modo di tessuti, ricerca e lavoro. Qui si trova l’arte del creare e sperimentare proprio della moda con la M maiuscola.

Ha studiato al Fashion Institut of Technology, New York dove ha vissuto per diversi anni e lavorato come fashion stylist. Il suo progetto è nato nel 2001 a Tel Aviv, quasi per gioco in seguito alla richiesta di un’amica  di creare qualcosa che avrebbe esposto nel suo negozio. realizza così una capsule collection di t-shirt stampate a mano, sperimentando materia e grafica; seguita da una di gonne di un materiale gommato, lavorato con dei solventi che trasformano il colore originale creando uno sfondo su cui stampare. Da allora ha fatto molta strada fino ad arrivare ad aprire il suo showroom a Torino.

Diletta PE 2001 (photo by Amit Berlowitz)

Diletta PE 2001 (photo by Amit Berlowitz)

La nostra chiacchierata è stata intensa e fitta. Ti accorgi subito che è un’architetto dello stile, per l’eleganza e l’attenzione ai dettagli.

Cura lo sviluppo tecnico del prodotto: dalla scelta dei tessuti, al capo ultimato nell’atelier. Infatti è proprio dai tessuti che nasce il suo marchio. Racconta che il primo pensiero che ha quando tocca un pezzo di stoffa è come poterlo trasformare.
La sua ultima collezione é caratterizzata da collage di tessuti, colori e idee.

Diletta AI 2012/2013

Diletta AI 2012/2013

Il suo senso dello stile è semplice, mai banale, e del tutto inaspettato. Non possono non essere abiti comodi e versatili.

Per la prossima stagione ci sono in serbo tante novità, quindi vi consigliamo di tenerla d’occhio. Questo è il suo sito www.diletta.eu.

Diletta is a fashion designer with an international curriculum. Her origins are in Turin, although she lived in New York and Tel Aviv.

She welcomes you in her office, workshop and showroom with its very nice little dog Nina, and you immerse yourself in a manner of fabrics, research and work. Here is the art of creating and testing her own fashion with capital F.

She studied at the Fashion Institute of Technology, New York where she lived for several years and worked as a fashion stylist. Her project was born in 2001 in Tel Aviv, just for fun, at the request of a friend to create something that would expose in her shop. It was a capsule collection of t-shirts printed by hand, experimenting with materials and graphics; followed by a skirt of a rubberized material, working with solvents that transform the original color creating a background on which to print. Since then she has come a long way until you get to open its showroom in Turin.

Our conversation was intense and dense. You realize that she is an architect of style, elegance and attention to detail.

She takes care of the technical development of the product: from the choice of fabrics, the head finished in the studio. She says that the first thought that when it touches a piece of cloth is how to transform it.
Her latest collection is characterized by a collage of fabrics, colors and ideas.

Her sense of style is simple, never boring, and totally unexpected. They are comfortable  and versatile clothes.

For next season, there are many new features, so you should keep an eye on. This is her site www.diletta.eu.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Grazia.it

Paperblog

Top Posts & Pages

%d bloggers like this: