You are currently browsing the category archive for the ‘Fashion’ category.

white-sposa-50_inblogwhite-sposa-50_inblog2

Andate in edicola a comprare una copia di White Sposa e continuate a seguirlo anche su:

Twitter White Sposa
Pinterest White Sposa
Facebook White Sposa

white-sposa-49_inblog_ccwhite-sposa-49_inblog

Sapete già di dover correre in edicola a prendere la copia di White Sposa e continuate a seguirlo anche su:

Twitter White Sposa
Pinterest White Sposa
Facebook White Sposa

 

Giulia Gammaraccio.jpg

#‎youinkti‬

Kristina-Ti

whitesposa_48_cover

in Blog_W48

Correte in edicola a prendere la copia di White Sposa e continuate a seguirlo anche su Twitter, Pinterest e Facebook

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/
https://www.facebook.com/whitesposa/

 

vestito

Il vestito dei miei sogni.

Ciao Nonna Tina.

white_sposa_copertina

White Sposa 47-inblog

«Sul mio regno non tramonta mai il sole» disse Carlo V d’Asburgo. Questa a ermazione di metà ‘500 è stata trasmessa ai posteri ed ha consegnato alla storia il re di Spagna come primo dominatore dei due mondi. Il concetto dietro quelle parole era piuttosto semplice: i suoi possedimenti erano così estesi che in ogni momento in almeno una parte del reame era giorno. Il quadro dipinto era un pò diverso dalla realtà, perchè è vero che il suo regno si estendeva dall’Europa all’America, ma la mancanza di territori in Asia rendeva questa a ermazione di fatto impossibile. Però questa idea di sfarzo è stata sempre piuttosto comune tra i monarchi. Un altro re votato allo stile da grandeur (nonchè parente dello stesso Carlo V) è stato Luigi XIV, detto il Re Sole. Il francese è stato uno dei più influenti sovrani di tutti i tempi. Il suo dominio ha portato la nazione d’oltralpe a risplendere a livello di politica estera ed interna. Simbolo di questo sfarzo è stata la Reggia di Versailles, a cui Luigi XIV ha dato l’aspetto de nitivo dopo decenni di lavori. E’ in questa tenuta che si sono succeduti re e regine, principi e principesse, lord e duchesse. Una sovrana particolarmente dedita a questo tipo di vita era Maria Antonietta. Nata a Vienna a meta ‘700 e sposata con Luigi XVI, la sovrana era l’emblema della Francia barocca. Dotata di un sorriso smagliante e grande a abilità, nei primi anni di governo si dedicava alle pubbliche relazioni dentro Versailles. Sono passate alla storia le sue feste sfarzose ricche di cibo raffinato, champagne di alta qualità e con i più influenti personaggi di quel tempo. Ne è stata data una immagine moderna da Sofia Coppola. Ed ecco come giocare con capi preziosi e ricchi di dettagli rétro, per sentirsi romantiche mademoiselle. Vi presentiamo degli orecchini all’avanguardia, dallo stile contemporaneo con in uenze tradizionali e materiali sinonimi di glamour, della casa di gioielli british Mawi. Oppure le classiche ballerine Hangisi di Manolo Blahnik da abbinare alla clutch arcobaleno con la storica bbia “bouclè” del designer francese Roger Vivier. Sicuramente un paio di occhiali dalla forma arrotondata di Prada potrebbero aiutarvi durante un cocktail di benvenuto nei giardini del palazzo. E perché non ascoltare della musica pop con le cu e ricoperte di Cristalli Swarovski di Dolce & Gabbana. Ovvio che sarebbe meglio non indossarle con una pettinatura cotonata con piumaggi annessi, ma magari un trucco moderno usando una delle matite della nuova collezione della make-up artist Charlotte Tilbury, vi potrebbe donare uno sguardo più ammaliante che mai.

Passate ora in edicola a prendere una copia di White Sposa e continuate a seguirlo anche su Twitter, Pinterest e Facebook

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/
https://www.facebook.com/whitesposa/

 

Il Nuovo Vocabolario della Moda Italiana alla Triennale di Milano fino al 6 Marzo 2016.

(La mostra è dedicata a Elio Fiorucci)

White Sposa 46-cover
White Sposa 46-blog

Correte ora a comprare White Magazine in edicola e seguitelo anche su Twitter e Pinterest!

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/

White copertina 44 058_in Blog

Lavinia si sposa. Ha organizzato un vero e proprio evento: da lei dovevi aspettarti una cosa in grande e non una cerimonia qualsiasi. A fine novembre devi volare a New York per il suo matri- monio. Ha dato un titolo a questa occasione: il tema è Game, il che ti permette di spaziare tra colori, stili ed emozioni. Quest’anno la moda invernale prevede colori caldi nelle loro palette più diverse, dai rossi ai bronzo passando per il nostro amato rosa. Moschino e Chanel hanno offerto una moda nettamente più giocosa e provocatrice nelle loro due ultime stagioni, noi li prendia- mo come esempi per creare un look adatto all’esigenze del matrimonio della nostra compagna di scuola e non solo. La città, ma soprattutto l’amica, prevede un look sbarazzino e per nulla convenzionale. Prepari il tuo outfit: t-shirt di Moschino con le bambole di carta, il vostro gioco preferito durante le elementari. Questo passatempo ora lo puoi indossare: arrotoli le maniche, lo abbini ad un tutù fuxia e sei pronta per accomodarti in chiesa. Ai piedi indosserai i tuoi amati sandali di Sophia Webster: li hai presi a Londra qualche mese fa e sono perfetti per completare il tuo look da matrimonio spensierato. La borsa è perfettamente in tema, porterai quella di Anteprima, marchio che segui con passione e divertimento da anni. Il modello rosa fragola con applicata la famosa ciambella, la buonissima donut di Homer Simpson. Al collo un tocco di luce con la collana di silicone e cristalli di Ek Thongprasert. È blu il colore che sempre devi avere ad un matrimonio, è chic e dicono porti fortuna alla coppia che convola a nozze. La sposa la conosci da quando hai sei anni, mano nella mano avete vissuto mille avventure, ti servono un paio di occhiali per nascondere le lacrime che ti scenderanno al suo “Sì”. Ti ricordi di aver visto un paio di occhiali da sole di Miu Miu, ti fiondi su Net-a-porter per farteli arrivare a casa, così puoi chiu- dere la valigia e partire per la Grande Mela. Per sicurezza, attacchi anche la mano di Topolino, uno sticker in pelle di Anya Hindmarch così potrai riconoscere la tua borsa al JFK. Congratulazioni Lavinia: hai vinto!

Trovate White Magazine in edicola e seguitelo anche su twitter e pinterest!

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/

copertina white sposa settWHITE SPOSA SEPT14in_Blog

In edicola

Seguite White Magazine anche su twitter e pinterest!

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/

LA NONNA CI INSEGNA

Il pizzo è la passione delle nostre nonne, tanto da far venire in mente ricordi d’infanzia. Se anche a voi è stato proposto di imparare a fare a maglia o, lezione successiva, imparare a fare l’uncinetto da piccole, unitevi a noi care lettrici: questo numero di White Sposa è per voi. Oggi è difficile trovare una bimba disposta ad imparare l’arte del tombolo, visto che non è un app per l’iphone. Fortunatamente, però, oggi il pizzo è design e fa rima con matrimonio: bomboniere, cerchietti, corpetti e ciglia finte hanno lo stesso fil rouge. Noi moderne ragazze, sempre in cerca di qualcosa che ci leghi alla tradizione, ma pronte a cancellare tutto per la novità, potremmo indossare degli shorts total lace di Miguelina. Nel 2014 il vero accessorio che fa la differenza ad una cerimonia è il cerchietto: con fiori, piume e velette. Da piccole questo acessorio ti accompagnava per studiare, per leggere e per essere sempre in ordine. Oggi è un dettaglio di moda. La nonna non vi faceva sedere a tavola senza i capelli legati, oggi li puoi legare ed indossare con una creazione di Maison Michel. Indossare una T-shirt al matrimonio? Ma certo se è di Alexander Wang, stilista di San Francisco sempre più adorato dalle star del cinema e firma della prossima collezione per H&M. Per un’occasione rock, suggeriamo di abbinarlo ad una giacca da uomo. Oppure, meglio, senza giacca. Sdoganiamo, dunque, la maglietta in chiesa: ti copre le spalle rispettando il buon costume ed è sbarazzina. Per lui, si potrebbe suggerire un papillon di Cor Sine Labe Doli. Passiamo al polso. Qui ci schieriamo dalla parte delle ragazze. D’altronde sono loro che hanno la situazione sotto controllo. Il bracciale è di Aurelie Bidermann. Sembra quasi che una dea greca si sia posata sul nostro polso regalandoci quel tocco di assoluta femminilità, con quel valore aggiunto che piace tanto a chi sa indossare i gioielli. Per raggiungere la cerimonia in perfetto orario? Semplice: controlla l’ora con l’orologio Hip Hop. Il pizzo, nelle tonalità del nero, del bianco e del cipria, affonda nel silicone trasparente, creando suggestioni romantiche e al tempo stesso super glamour. In conclusione, che il pizzo sia con voi fanciulli e fanciulle. Le nonne e le prozie direbbero: “Sposate un uomo ricco, tanto di sera al buio sono tutti uguali”.

%d bloggers like this: