You are currently browsing the monthly archive for May 2013.

ARE YOU IN // OR // OUT ? from 2 FACTORY on Vimeo.

Credits
Movie entirely produced by the 2FACTORY team :
Alyne & Clément (D.A. & illustration), Benjamin (animation) + Lucie, Corry, Manu & all the team (copy-writting) & Jim (Music/ sound design)

(fonte: FERRAFILM)

E’ uguale, vero?

They look alike, don’t they?

(fonte: CHANEL)

Come al solito, sono giovani carini e disoccupati. 1994 Film di Ben Stiller

Dove possiamo trovare degli sconti fantastici su modelli di borse e abiti dell’ultime stagioni a prezzi davvero competitivi? Glamest è la risposta.

Glamest newsletter

Glamest newsletter

Questa è un outfit creato per una giovane ragazza che vuole qualcosa di colorato tutti i giorni (sperando che il tempo pazzerello termini presto :- )

Abito Papaya in jersey Micheal Kors

Abito Papaya in jersey Micheal Kors

Céline Cabas

Céline Cabas

Sandali in cuoio borchiati Ash

Sandali in cuoio borchiati Ash

Truccarsi in 10 secondi? Semplicissimo.
—-
Can you put your make up on in 10 seconds? Too easy.

Cover Whitesposa39

Il primo sguardo cade sempre sui fiori, il secondo da appassionate di moda: sulla sposa ed il suo abito. Le decorazioni floreali rispecchiano l’immagine di chi si sposa, il carattere e la sua personalità. In chiesa, sull’abito dello sposo e infine a comporre il celebre bouquet: gli occhi di tutti sono puntati sui fiori. Il bianco è il colore per eccellenza della favola tradizionale a cui noi tutte siamo abituate ed affascinate. Non rinunciamo certo a questo “must” per il momento più cinematografico di una relazione. Vogliamo solo rendere questa tonalità un po’ più “floreale” nel look di una sposa e, perché no, delle sue damigelle e testimoni, spesso in crisi su cosa indossare in queste occasioni. La moda da molte stagioni ha rispolverato la celebre ed iconica collezione flora di Gucci, e ci ha quindi abituate ad innumerevoli sfaccettature dei fiori. Stampe, applicazioni ed accessori ne sono totalmente protagonisti per le stagioni primaverili ed estive. Vi proponiamo un matrimonio alla Gossip Girl con marchi di stilisti emergenti che abbiamo trovato durante le nostre ricerche sul web e riviste straniere. Sotto il classico ed immancabile abito bianco nelle sue molteplici ipotesi: un intimo di Stella McCartney di fibre naturali con pizzi floreali per chi è attenta ad ogni dettaglio, anche quello più nascosto, lo si può trovare negli stores del brand inglese o sul sito di ecommerce britannico più famoso Net-a-Porter. Le pumps di Charlotte Olympia sotto gli abiti bianchi per chi vuole osare nel momento del sì o durante i festeggiamenti, magari con un abito più corto per sottolineare la particolarità del modello. Se vi hanno folgorate le trovate nel negozio londinese, su quello online del brand oppure su Net-a-Porter. In mano alla sposa, dopo il lancio del bouquet, la clutch libro di Olympia Le Tan: potete scegliere il vostro romanzo preferito adornato da romantici fiorellini alla Cacharel. Per le amiche scelte come damigelle o testimoni, una giacca De’ Hart, un marchio italianissimo che crea giacche femminili e con dettagli particolari, ad esempio bottoni o applicazioni floreali come per il modello Mughetto. Noi, come invitate, vorremmo indossare tra i capelli un cerchietto del designer Louis Mariette e al polso un bracciale di Shourouk colorarti, eleganti e … floreali! Tra un mughetto, una rosa ed una peonia: auguri.

inblog_Whitesposa39

Andate in edicola a comprare White Magazine n° 39 di Maggio 2013 .
Seguite White Magazine anche su twitter e pinterest!

http://twitter.com/#!/whitesposa
http://pinterest.com/whitesposa/

Ecco la lista dei contributors oltre a noi Pentagonne (Francesca e Giulia) Contributors_W39 2
Contributors_W39

Ecco i link delle nostre scelte per White Magazine

www.stellamccartney.com
www.charlotteolympia.com
www.de-hart.it
www.louismariette.com
http://shourouk.com
www.olympialetan.com

Grazie a Cristina Canovi, a Cosimo Buccolieri e a tutto il meraviglioso team di White Magazine!

Tutti conoscono le ragioni per cui Amsterdam è famosa nel mondo. Negli anni 80 la città veniva associata ai diamanti, gli zoccoli, il formaggio dalla buccia rossa, il quartiere a luci rosse con le prostitute in vetrina ed ai canali. O almeno queste le caratteristiche erano che venivano raccontate da chi viaggiava spesso per lavoro in Olanda. Ovvero mio papà.Tutto ciò esiste ancora, anche se adesso ho scoperto che si è trasformata in una città dinamica, variopinta e soprattutto proiettata verso il futuro grazie al design e non solo.
Il mio viaggio inizia da Amsterdam Zuid, cuore della city finanziaria della città. Infatti ci sono le sedi delle grandi società di consulenza come Accenture e Boston Consulting Group. Gli edifici sono altissimi grattacieli di architettura moderna.Image
Il quartiere Joordan è la zona della città che mi ha colpito di più. Lì si trova la casa dove ha vissuto Anna Frank nel periodo in cui la sua famiglia si nascondeva dalla persecuzione dei nazisti. E’ rimasta intatta e spoglia, per volere di Otto Frank, il papa di Anna che l’unico ad essere sopravvissuto. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale si è impegnato a far diffondere il diario che è poi diventato un libro tradotto in moltissime lingue e diffuso in tutto il mondo, anche se in un primo momento era piuttosto restio e non voleva leggere quelle pagine. Non deve essere stato facile scoprire cosa sua figlia ha provato in quei anni bui.
Lì intorno ci sono delle bellissime case ristrutturate e una serie di negoziati che vi consigliamo di visitare.
Tutti conoscono i brand olandesi più noti: nel design spicca Droog e nella moda Martin Margiela, G-star, Iris van Herpen e la modella Doutzen Kroes. Anche se i miei preferiti rimangono Viktor & Rolf, il duo di designer che si è formato alla prestigiosa Arnhem Academy of Art and Design.
E che dire della festa in onore del nuovo Re William? Arancione ovunque. La Regina Beatrice ha abdicato in favore del primogenito. Tutta la città era in festa ed era dipinta di arancio. (Grazie ad Anais per tutte le info 🙂 )
Zie je snel!

Image

trés chicIMG_1341

—-

Everyone knows the reasons why Amsterdam is famous in the world. In the 80s the city was associated with diamonds, clogs, cheese, red skin, the red light district with prostitutes in the window and the canals. Or at least these were the features that were told by those who traveled frequently for work in the Netherlands. That is my dad.
All this still exists, even if now I have found that has been transformed into a dynamic, colorful and above all projected into the future thanks to the design and beyond.
My trip starts from Amsterdam Zuid, the heart of the financial city of the city. In fact, there are headquarters of the largest consulting firms such as Accenture and Boston Consulting Group. The buildings are tall skyscrapers of the modern architecture.
The Jordaan district is the area of ​​the city that impressed me the most. There is the house where Anne Frank lived during the time when her family hid from Nazi persecution. E ‘remained intact and bare, at the behest of Otto Frank, Anne’s dad that the only one who survived. After the end of World War II is committed to spread to the diary which became a book translated into many languages ​​and spread all over the world, even if at first it was quite reluctant and did not want to read those pages. It must not have been easy to find out what his daughter has felt in those dark years.
Around here there are beautiful restored houses a series of shops that you should visit.
Everyone knows the most famous Dutch brand: Droog stands out in design and fashion Martin Margiela, G-star, Iris van Herpen and model Doutzen Kroes. Although my favorites are Viktor & Rolf, the design duo that has formed at the prestigious Arnhem Academy of Art and Design. They are also made in Italy thanks to Renzo Rossi, owner of Only the Brave, which produces their collections in Italy. The next season will return a new collection on the runways of haute couture. I can not wait! On the other hand Paris he had honored with a retrospective exhibition in 2003 at the Museum of Decorative Arts in rue de Rivoli.
And what about the festival in honor of the new King William? Orange everywhere. Queen Beatrix has abdicated in favor of the firstborn. The whole city was celebrating and was painted orange
Zie je snel!

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Grazia.it

Paperblog

%d bloggers like this: